salta al contenuto

LEGALIZZAZIONE ED "APOSTILLE" DI ATTI PUBBLICI E PRIVATI DA AUTENTICARE PER L'ESTERO

APOSTILLE

La Convenzione dell'Aia del 5 ottobre 1961 ha disposto l'abolizione della legalizzazione degli atti pubblici stranieri, disponendo che la stessa possa essere sostituita dalla cosiddetta “apostille”.
Si tratta di un’annotazione attestante l'autenticità del documento e la qualità legale dell''Autorità rilasciante, che deve essere apposta sull'originale dell’atto.

L'apostille, pertanto, sostituisce la legalizzazione presso l'ambasciata. Ne discende, a titolo esemplificativo, che se una persona ha bisogno di fare valere in Svizzera (Paese che ha aderito alla suddetta Convenzione) un atto notorio, non avrà bisogno di recarsi presso l'ambasciata svizzera per chiedere la legalizzazione, ma potrà recarsi presso la Procura competente per territorio, per ottenere l'annotazione della cosiddetta apostille sul documento. L’atto così “apostillato” potrà essere fatto valere, anche se redatto in italiano. Sarà sufficiente una normale traduzione.

Lista Paesi Convenzione Aja

LEGALIZZAZIONE

Per far valere gli atti nei Paesi che non hanno aderito alla Convenzione dell'Aja, occorre la legalizzazione degli stessi da parte della Procura e, inoltre, il visto da parte del Consolato dello Stato straniero in Italia (a pagamento).

AVVERTENZA: Si tenga presente che esistono accordi bilaterali che prevedono la dispensa dalla legalizzazione per alcuni tipi di atti che andrebbero esaminati singolarmente.
Allo scopo consultare il sito del Ministero Affari Esteri http://atrio.esteri.it

ASSEVERAZIONE

Al fine di far valere in Italia atti in lingua straniera (legalizzati), è necessario farli tradurre da un interprete/traduttore ed asseverare presso il Tribunale. A conclusione di tale procedura è necessario recarsi presso la Procura al fine di legalizzare l’asseverazione della traduzione.

L’asseverazione (giuramento) della traduzione è una attestazione ufficiale da parte del traduttore circa la corrispondenza tra il testo tradotto e il testo originale, al fine di far acquisire carattere di ufficialità al documento.

SEMPLIFICAZIONE NELLA CIRCOLAZIONE DEI DOCUMENTI PUBBLICI

Il 16 febbraio 2019 è entrato in vigore il Regolamento UE 2016/1191 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 luglio 2016 che promuove la libera circolazione dei cittadini semplificando i requisiti per la presentazione di alcuni documenti pubblici nell’Unione Europea e che modifica il regolamento UE n. 1024/2012.

Stati membri dell’Unione Europea

N.B. Per la legalizzazione/apostille di atti e documenti rilasciati da un ente pubblico, Comune, ufficio scolastico provinciale territoriale, azienda ospedaliera, azienda sanitaria locale, camera di commercio, agenzia delle entrate, motorizzazione civile della provincia di Lodi o rappresentanza diplomatica/consolare presente in Italia è competente la Prefettura di Lodi.