salta al contenuto

Ufficio del Casellario locale

PEO: casellario.procura.lodi@giustizia.it
PEC: casellario.procura.lodi@giustiziacert.it

Presso l’UFFICIO DEL CASELLARIO GIUDIZIALE DELLA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI LODI, possono essere richiesti:

  • CERTIFICATO DEL CASELLARIO GIUDIZIALE, CERTIFICATO DEI CARICHI PENDENTI, VISURA DEL CASELLARIO GIUDIZIALE;
  • CERTIFICATO DELL’ANAGRAFE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE DIPENDENTI DA REATO, VISURA DELL'ANAGRAFE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE;
  • CERTIFICATO DELL’ANAGRAFE DEI CARICHI PENDENTI DEGLI ILLECITI AMMINISTRATIVI DIPENDENTI DA REATO;
  • CERTIFICATO DEL CASELLARIO GIUDIZIALE RICHIESTO DAL DATORE DI LAVORO AI SENSI DELL’ART. 25 BIS IN REL. ALL’ART. 25 DPR. 313/2012 (D.L. n. 33/2014).

Dal 1 gennaio 2012 i certificati rilasciati da questo ufficio sono validi ed utilizzabili solo nei rapporti con soggetti privati. Nei rapporti con le amministrazioni pubbliche, invece, i certificati sono sostituiti obbligatoriamente da autocertificazioni (art. 40 DPR 445/2000 come modificato dall’art.15 legge 183/2011).

I certificati possono essere richiesti solo dall’interessato, che potrà delegare altra persona al ritiro. E’ però necessario che l’interessato sottoscriva, oltre alla richiesta, anche la delega al ritiro dei certificati ed alleghi alla richiesta copia del suo documento di riconoscimento. Il delegato dovrà altresì allegare il suo documento di riconoscimento. Il Modulo Delega è scaricabile nella sezione “Modulistica” di questo sito.

Come richiedere i certificati.

I certificati, da richiedere obbligatoriamente online sul sito www.procura.lodi.it, devono essere ritirati presso l’Ufficio del Casellario Locale PREVIO APPUNTAMENTO da richiedere tramite l’indirizzo mail casellario.procura.lodi@giustizia.it oppure ai numeri 0371.499514 o 0371.499355.

Avuto l’appuntamento, l’interessato o un suo delegato dovrà presentarsi presso la Procura della Repubblica di Lodi, Viale Milano n. 2, piano -1, nei giorni dal LUNEDI al VENERDI dalle ore 8.30 alle ore 13.30 munito di:

prenotazione firmata in originale, documento d’identità e, per ciascun certificato, una marca da bollo da euro 16,00 (L. 71/2013) e una marca da bollo da euro 3,92 per diritti di cancelleria (D.M. 09/07/2021).

ATTENZIONE! Le marche da bollo e i diritti di cancelleria non sono disponibili presso l’Ufficio del Casellario, ma possono essere acquistati presso le tabaccherie.

Ulteriori informazioni

Sono esenti da bollo e/o da diritti di cancelleria i certificati richiesti e rilasciati per:

  • Adozione, affidamento di minori;
  • Riparazione dell’errore giudiziario;
  • Procedimenti nei quali l’interessato è ammesso al gratuito patrocinio;
  • Controversie individuali di lavoro, previdenza ed assistenza obbligatorie.
  • Certificati richiesti per sussidi;
  • Associazione a ONLUS;
  • Tutela dei minori e degli interdetti.

Per ogni altra informazione relativa alle esenzioni si può consultare la tabella allegato B al D.P.R. 642/72 presente nella sezione “Modulistica” di questo sito.

Ai sensi dell’art. 33 T.U. 313/2002 è altresì possibile per la persona o l’ente interessato richiedere semplice visura, indicante tutte le iscrizioni ad esso riferite. La visura NON ha efficacia certificativa e viene rilasciata in forma anonima, senza costi, anche in caso d’urgenza. I certificati hanno una validità di 6 mesi dalla data di rilascio.

Certificati del Casellario Giudiziale richiesti dalle PP.AA.

INDIRIZZO PEC: casellario.procura.lodi@giustiziacert.it

Presso questo Ufficio è stata attivata la procedura denominata Certificazione Massiva CERPA (CERtificati Pubbliche Amministrazioni) utilizzabile da parte delle PP.AA. e dei Gestori di Pubblici Servizi.

Tale procedura consente di ottenere il rilascio dei seguenti certificati:

  • Certificato ex art. 39 D.P.R. 313/2002 (consultazione diretta del Sistema);
  • Certificato per uso elettorale (art. 29 D.P.R. 313/2002).

Per mezzo dell'applicativo "Certificazione Massiva-CERPA" le amministrazioni pubbliche ed i gestori di pubblici servizi possono trasmettere le proprie richieste massive all' Ufficio del Casellario locale di questa Procura, attenendosi alla seguente procedura:

- Occorre preventivamente scaricare ed installare sul proprio computer la procedura “NSC-CERPA”, che consente la produzione di richieste massive di certificati. Le istruzioni per l'installazione sono contenute nel manuale utente "NSC-CERPA".

La procedura di "NSC-CERPA" deve, successivamente, essere attivata attraverso specifica richiesta, utilizzando l'apposito modello, in cui è necessario sempre indicare il numero e la data di protocollo.

Alla richiesta dovrà essere allegato un file, generato tramite il programma “NSC-Massive”, oppure un file già disponibile in formato .txt, che contenga le informazioni relative a ciascun soggetto di cui si richiede il certificato, rigorosamente formattato secondo le indicazioni illustrate nel manuale utente NSC/Massive.

Così predisposta la richiesta, sottoscritta e scansionata in formato .pdf, ed il file allegato in formato .txt devono essere trasmessi, tramite l'indirizzo PEC istituzionale dell'ente, all'indirizzo di posta elettronica certificata casellario.procura.lodi@giustiziacert.it, evidenziando nell'oggetto che si tratta di richiesta massiva diretta all’Ufficio del Casellario.

Per scaricare l’Applicativo NSC-CERPA, il Manuale Utente NSC-CERPA e il Modello di Certificazione Massiva si prega di consultare la sezione “Modulistica” presente in questo sito.

Apostille e legalizzazioni.

La legalizzazione consiste nell’attestazione della qualità legale del Pubblico Ufficiale che ha apposto la propria firma su un documento (atti, copie ed estratti), nonché dell’autenticità della firma stessa. Tale autentica di firma in Italia si ottiene in Procura o in Prefettura, a seconda della tipologia del documento. Quindi il documento legalizzato deve essere portato al Consolato del Paese dove il documento deve essere presentato. Il Consolato a sua volta legalizza la firma del Procuratore o Prefetto apposta sul documento.

Gli Stati aderenti alla Convenzione dell’Aja del 5 ottobre 1961 semplificano tale procedura utilizzando l’apostille (o postilla) al posto della legalizzazione. Diversamente dalla legalizzazione, l’apostille prevede solo un timbro speciale e riconoscibile attestante l’autenticità del documento e la qualità legale dell’Autorità rilasciante e non necessita del passaggio al Consolato.

Si precisa che la Procura rilascia l’apostille su tutti gli atti redatti da notai e dagli ufficiali giudiziari, funzionari e cancellieri sia del Tribunale che della Procura stessa. Si precisa, inoltre, che l’apostille va SEMPRE richiesta in Procura in caso di traduzioni giurate, indipendentemente dall’Ente che ha emesso il documento che è stato tradotto.

L’apostille, infine, va richiesta in Prefettura per tutti i documenti emessi dai Comuni, dalle Università e dalle Camere di Commercio. Va richiesta in Prefettura anche l’apostille su firme autenticate e copie conformi emesse dagli Uffici Comunali.

A chi e come rivolgersi.

La documentazione da legalizzare o apostillare, comprensiva di eventuali allegati, deve essere depositata presso l’Ufficio del Casellario Locale della Procura della Repubblica di Lodi (compilando l’apposito modulo predisposto) da parte dell’interessato o da un suo delegato senza che sia necessaria una fissazione di appuntamento. Gli atti legalizzati o apostillati vengono riconsegnati entro 5 giorni lavorativi dalla presentazione e non prevedono il pagamento di diritti.

Per scaricare il modulo di richiesta apostille e legalizzazioni consultare la sezione “Modulistica” presente in questo sito.

ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO DELL’UFFICIO DEL CASELLARIO LOCALE

Dal LUNEDI al VENERDI DALLE ORE 8.30 ALLE ORE 13.30
  SABATO CHIUSO  

Composizione Ufficio del Casellario Locale

Nominativo Qualifica/Ruolo Telefono E-mail
Agostina Tiraboschi Funzionario
Giudiziario/Responsabile
  agostina.tiraboschi@giustizia.it
Antonio Cimorelli Cancelliere Esperto 0371.499355 antonio.cimorelli@giustizia.it
Marta Flora Volpi Operatore
Giudiziario/Addetto
0371.499514 martaflora.volpi@giustizia.it
Cristina Maria Rita D’Agostino Operatore
Giudiziario/Addetto
0371.499355 cristinamariarita.dagostino@giustizia.it